Bergamotto, statine e patologie cardiovascolari

bergamotto fa bene al cuore

Bergamotto, statine e patologie cardiovascolari.

Fai attenzione alle statine: c’è un nuovo agente per abbassare il colesterolo in città, il bergamotto. Come un supereroe, un superfood il bergamotto è entrato nella nostra alimentazione per salvarci dalle patologie cardiovascolari e non solo!! Due studi su animali e quattro studi sull’uomo indicano ne succo di bergamotto il suo valore nel ridurre il colesterolo LDL (il cosiddetto cattivo). Allo stesso tempo, il succo di bergamotto è in grado di aumentare il colesterolo HDL (il cosiddetto buono) e proteggere il fegato. Non è male per un agrume!!

Il bergamotto già largamente in uso nella letteratura scientifica e alimentare.

Il bergamotto è probabilmente meglio conosciuto come l’aroma e il sapore caratteristici del tè Earl Grey. È anche un bergamotto che conferisce la fragranza unica di quella famosa birra. Lo stesso bergamotto è alla base dell’olio essenziale prezioso componente in vari profumi. Ma i ricercatori nell’ultimo decennio o più hanno rivolto la loro attenzione ad altri usi del bergamotto, vale a dire come ingrediente per abbassare il colesterolo.

Ritenuto un antico ibrido di due altre specie di arancia, il bergamotto ha un gusto acidulo e un giallo brillante come il limone. La produzione da ritenere valida su tutti gli aspetti del bergamotto è quella coltivata nella Locride ed Area Grecanica, sulle pendici soleggiate delle colline joniche della Calabria. Orgoglio regionale e simbolo incontrastato del distretto reggino della Calabria che rappresenta anche una particolarità microclimatica per il fatto che il bergamotto con i principi attivi riesce a fruttificare solo in queste zone ed in nessuna altra parte del mondo.

Elementi di attenzione per l’acquisto e presenza nei mercati in Italia.

Il bergamotto prodotto fuori zona, ad esempio in Sicilia o Puglia non è indicato per la cura del colesterolo, non presenta alcuna titolazione come di brutieridina e meltidina, due agenti polifenolici unici nel bergamotto jonico.
Il Bergamotto viene coltivato anche in Francia e in Costa d’Avorio Africa. In Turchia, il bergamotto viene coltivato per la produzione di marmellata. Il succo, con il suo sapore acido di pompelmo, è una bevanda preferita nella nazione insulare di Mauritius, nell’Oceano Indiano, dove il bergamotto è coltivato su piccola scala.

Gli aspetti medici di titolazione del succo di bergamotto jonico calabrese.

bergamotto fa bene al cuoreDue composti in bergamotto, brutieridina e meltidina, sono stati studiati per i loro effetti a livello statinico. Entrambi sono classificati come flavono glicosidi, un gruppo di composti antiossidanti naturali che tipicamente si presentano in piccole quantità in varie piante, dalla frutta e verdura alle erbe. Come classe, i glicosidi flavonici mostrano molte attività benefiche. Alcuni sono noti per combattere il cancro, mentre altri sembrano migliorare la funzione cerebrale. Questa categoria di composti naturali sta attirando una crescente attenzione scientifica. Sia la brutieridina che la meltidina si trovano in consistente dosaggio nel succo di bergamotto che “naturalmente” riduce il colesterolo.

Gli studi e le considerazioni dei medici cardiologi sul succo di bergamotto.

Uno studio indirizzato alle patologie cardiovascolari,  su 77 adulti riportati sull’International Journal of Cardiology nel 2013 ha riscontrato una significativa riduzione del colesterolo LDL quando i soggetti assumevano 1.000 milligrammi di estratto al giorno per un mese. Lo stesso articolo riportava che i medici erano in grado di ridurre della metà la quantità di statina farmaco rosuvastatina tra coloro che usavano il farmaco, aggiungendo il succo di bergamotto, senza alcuna riduzione dell’efficacia.

In entrambi gli studi sugli animali e sull’uomo, l’estratto di bergamotto dimostra anche attività anti-iperlipidemia. Ciò significa che l’estratto riduce i lipidi in eccesso nel sangue. L’iperlipidemia porta spesso a aterosclerosi – indurimento delle arterie – un precursore di infarto e ictus. Così il succo di bergamotto può essere un farmaco miracoloso cardiovascolare in divenire. Viste le evidenze scientifiche, del bergamotto si è parlato al 78° Congresso nazionale della Società italiana di cardiologia (SIC) svoltosi a Roma a Dicembre 2017, “Ricco di flavonoidi, il bergamotto riduce i livelli di colesterolo”.

Succo di bergamotto, statine, patologie cardiovascolari e non solo.

Tornando agli studi: Gli scienziati coinvolti negli studi e coloro che non sono coinvolti concordano sul fatto che sono necessari ulteriori studi su scale più grandi prima che l’estratto di bergamotto sia pienamente dimostrato come un efficace agente che riduce il colesterolo. Alcuni studi attuali non sono stati pubblicati, e quindi non hanno attraversato il rigoroso processo di peer-review richiesto per la pubblicazione in riviste scientifiche e mediche. Tuttavia, i risultati finora sono stati molto buoni, e c’è molta scienza investigativa sui composti brutieridina e meltidina.

Il bergamotto e le evidenze antitumorali

Un altro interessante studio, invece, ha messo in evidenza le potenziali proprietà antitumorali del succo di bergamotto, ascrivibili sempre ai flavonoidi in esso contenuti. Più in particolare, questo studio ha dimostrato che piccole quantità di questo estratto possono interferire con i meccanismi di apoptosi delle cellule maligne costituenti il cancro del colon, favorendone la morte.

Più ci immergiamo nel mondo dei cibi e delle erbe, più riscopriamo ciò che disse il medico greco Ippocrate intorno al 400 aC.

Lascia che il tuo cibo sia la tua medicina.

Infine, il miglior succo di bergamotto sul mercato, secondo noi è il Bergasterol, realizzato al 100% e con albedo dell’agrume a potenziarne la titolazione in flavonoidi e polifenoli, non ha alcuna aggiunta, quindi senza coloranti, eccipienti, stabilizzanti o altro. Naturale. www.bergasterol.it