il bergamotto in Calabria

bergamotto cura cardiovascolare

Il Bergamotto in Calabria

I vari aspetti della “multifunzionalità” del bergamotto, il “prezioso” agrume della jonica di Reggio Calabria, che rappresenta un importante pezzo di storia e di cultura della nostra terra, si evidenziano anche nella stagionalità o nel periodo.

Siamo a fine anno, il momento in cui sul bergamotto in ambito di impegno di lavoro in campo e vendite si fa sul serio. La campagna del bergamotto è quasi all’apice, il mercato delle vendite si è stabilizzato, quindi tutti uniformati nel prezzo di vendita. Unico dubbio sempre presente è la quantità di bergamotto da destinare o che senza controllo va ad alimentare il mercato del fresco.

Il bergamotto agrume fresco, le richieste del mercato e la tracciabilità di filiera.

bergamotto nel supermercato

foto di bergamotto a Milano

Ultimamente il mercato del fresco, della vendita a retina e cassette nei mercati e supermercati d’Italia e del mondo, ha aumentato di molto la richiesta di bergamotto agrume fresco. A questo punto, nella quantità di bergamotto prodotto ci dobbiamo chiedere che tipo di prodotto va a finire al consumatore finale. Il bergamotto prodotto nella jonica è prezioso ed insufficiente per le richieste di mercato, al contrario perché non interessato alle attenzioni della produzione di olio essenziale, quello tirrenico calabrese perché con minore titolazione e delle altre parti del mondo, può alimentare il mercato del fresco.

Il bergamotto, da sempre tesoro di inestimabile valore per la Calabria jonica, oggi è supportato dalla ricerca scientifica. Il suo utilizzo è ricercato dal campo agronomico a quella alimentare e medico-farmaceutico, importante è la titolazione del prodotto, e solo la filiera jonica ne garantisce i componenti.

Sono giornate queste di fine anno, piene di contenuti e ricche di spunti interessanti, dove ogni produttore o trasformatore di bergamotto attraverso le quali, ogni soggetto interessato sviluppa sul campo, una serie di sviluppi economici nelle innumerevoli utilizzazioni, ogni operatore del settore è concretamente in grado di ritagliarsi spazi sempre più importanti in futuro per l’economia calabrese, se ben sostenuto dal mondo della ricerca e da quello istituzionale, attraverso percorsi di approfondimento scientifico, aggregazione, sinergie istituzionali e di mirate politiche di marketing territoriale.

Il bergamotto in Calabria e lo sfruttamento delle economie internazionali.

Abbiamo interpellato il Geom. Adriano Scrivo, rappresenta la AICAL, l’Associazione a tutela del Tipico in Calabria per delle conclusioni sul bergamotto, sulla valorizzazione.
“La coltivazione del bergamotto si concentra su circa 1800 ettari di superficie, estendendosi lungo la stretta fascia costiera della provincia di Reggio Calabria, fino a Monasterace, al limite con la provincia catanzarese, sul mar Ionio. Un agrume che occorre continuare a sostenere, in quanto generatore di esternalità positive, non solo economiche, ma anche mediche e gastronomiche. La AICAL nella sfera del bergamotto è l’unico soggetto associativo che raggruppa produttori agricoli ed imprenditori del settore, coloro che hanno impianti per i sottoprodotti del bergamotto, bene, anche in questa stagione di raccolta per quanto la produzione sia sensibilmente calata, tutti gli operatori della filiera possono ritenersi soddisfatti. Unico neo, che non rappresenta solo quest’anno e non solo il bergamotto, è che nel nostro sistema economico non abbiamo attori imprenditoriali e commerciali che possono elevare grandi marchi nazionali ed internazionali. Il nostro olio essenziale è rappresentato economicamente nel mondo della distribuzione al dettaglio solo da aziende non calabresi. Noi calabresi abbiamo a cura solo la produzione e non la commercializzazione, il risultato è enormi perdite economiche e di posti di lavoro” – continua Adriano Scrivo – “ Il mercato economico della Provincia jonica di Reggio Calabria da anni grazie al bergamotto, ha la ulteriore possibilità di elevarsi, oggi il bergamotto rappresenta la voce che incide maggiormente sull’indotto economico locale e regionale. Ulteriori passi in avanti si realizzeranno ancora negli anni a venire”.

Gli sbocchi economici e gli sviluppi nell’impiego del bergamotto in Calabria.

I contenuti tecnici degli studi e ricerche sul bergamotto, mirano con attenzione sul rapporto che intercorre tra bergamotto e medicina. Gli Istituti ed i medici specialisti sul bergamotto, ne hanno sottolineano le proprietà antiossidanti, l’azione positiva svolta contro l’ipercolesterolemia e l’iperglicemia, adducendo concrete evidenze scientifiche.

Si evince come l’elevato contenuto in polifenoli, in concentrazione nettamente superiore rispetto agli altri agrumi ed elemento naturale, possa garantire una elevata azione antiossidante ed antinfiammatoria; possa aiutare inoltre a prevenire il diabete di tipo 2 ed altre patologie legate alle sindromi metaboliche. Sono altresì allo studio avanzato, con pubblicazioni ufficiali, i possibili effetti nella prevenzione dei tumori. Non da meno il bergamotto è interessato in progetti dalla nutraceutica all’innovazione di prodotto.

Il bergamotto in Calabria – Il prodotto di maggior valore commerciale è l’olio essenziale, estratto dagli opercoli posti all’interno dell’epicarpo del frutto e costituito da circa 350 componenti, richiesta dall’industria profumiera per le peculiari caratteristiche di fissatore del bouquet aromatico e per il suo elevato grado di armonizzazione delle altre essenze contenute, esaltando le note di freschezza e fragranza. Essenza e succo di bergamotto trovano largo impiego nel settore nutraceutico, nelle bevande, nella preparazione  di prodotti dolciari e di prodotti per l’igiene.