Tag Archives: flavonoidi

Bergasterol, succo di bergamotto

Ultime scoperte, medicina naturale contro il cancro

Ultime scoperte, medicina naturale contro il cancro

Bergamotto ( Citrus bergamia Risso ) come fonte di nutraceutici: limonoidi e flavonoidi

Il succo di bergamotto naturale è citotossico per le cellule del cancro al seno

Significative quantità di limonoidi sono stati purificati mediante HPLC preparativa HPLC / PDA / MS da semi di bergamotto e succo di frutta.

I limonoidi sono promotori di salute sotto molteplici aspetti per il genere umano, e hanno molte proprietà farmacologiche:
antitumorale, antiossidante, antibatterica e antimicotica.
Per quanto a conoscenza degli autori, di seguito riportati con relativa pubblicazione,  non ci sono rapporti di precedenti studi sulla composizione del limonoidi nei frutti di bergamotto, quindi lo scopo di questo lavoro è stato quello di caratterizzare la buccia di bergamotto, la polpa, semi e succo di frutta.

I campioni analizzati hanno evidenziato la presenza di entrambi i limonoidi agliconi e glucosidi. agliconi limonoidi. I glucosidi limonoidi sono più abbondanti nei succhi e polpe (61 e 76% del totale, rispettivamente).

In ambito nutraceutico i semi e succo di frutta possono rappresentare un modo vantaggioso per rivalutare questi sottoprodotti a scopo nutraceutico.

Fonti per questo articolo:

Studi di:
Marina Russo a , b ,
Adriana Arigò una ,
Maria Luisa Calabrò una ,
Sara Farnetti C ,
Luigi Mondello un , b , d ,
Paola Dugo un

Volume 20 gennaio 2016, pagine 10-19

Fonte: http://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S1756464615005022
http://www.sciencedirect.com/science/journal/17564646/20/supp/C

Ulteriore studio: http://journals.plos.org/plosone/article?id=10.1371/journal.pone.0061484

Inseriamo anche il link del succo di bergamotto Bergasterol. naturale al 100%, http://www.bergasterol.it

succo di bergamotto

Flavonoidi statine del bergamotto

Flavonoidi statine del bergamotto

Il bergamotto sta diventando sempre più popolare come alternativa alle statine su base globale.

Può il succo di bergamotto abbassare il colesterolo in contrasto con l’assunzione di farmaci a base di statine?
Una ricerca pubblicata su Journal of Natural Products nel 2009 ha evidenziato che il Bergamotto ha potenzialità naturali da sostituire alle statine: l’acido 3-idrossi-3-metilglutarico (HMG) e quattro flavonoidi identificati nel bergamotto, essi sono in grado di interferire con la naturale sintesi del colesterolo nel corpo umano, inibendo l’attività del primo enzima nel percorso di sintesi del colesterolo. I flavonoidi polifenolici del bergamotto bloccano la produzione di colesterolo nel corpo umano in un modo simile alle statine.

La presenza dei particolari flavonoidi presenti nel succo di bergamotto, contribuisce scientificamente, a quanto sempre espresso la conoscenza popolare. Ecco alcuni dei motivi per cui il succo di bergamotto viene proposto a persone che non vogliono o possono assumere statine.

Flavonoidi statine
Inoltre, aggiungiamo per ulteriori ricerche sui flavonoidi: L’introduzione di flavonoidi nell’alimentazione aumenta i livelli plasmatici di acidi grassi Omega-3. Lo ha dimostrato uno studio pubblicato sul Journal of Nutrition, in cui i ricercatori della Facoltà di Medicina dell’Université Joseph Fourier di Grenoble (Francia) hanno confermato e chiarito i dati ottenuti in precedenti studi sugli effetti benefici di questi nutrienti

Le proprietà di abbassare il colesterolo del succo di bergamotto sono stati scoperti in uno studio italiano pubblicato nel novembre 2010 sulla rivista “Fitoterapia”. Il succo di bergamotto Bergamotto riduce LDL colesterolo totale – il colesterolo cattivo, trigliceridi e glicemia e aumenta l’HDL – il colesterolo buono, in pazienti con colesterolo elevato che hanno consumato bergamotto per 30 giorni.

Flavonoidi statine
La cura naturale, spesso utilizzata per varie cure, spesso è sopravalutata dalle persone che per un motivo o per l’altro, richiedono di perseguire questo percorso. Un consulto medico è sempre raccomandato, non è possibile utilizzare il cibo come farmaco, ma è possibile utilizzare il cibo per “sostenere e mantenere corpi sani”.

 

Succo di bergamotto

Bergamotto calabrese

Bergamotto calabrese.

In merito alla sicurezza, qualità e rintracciabilità del bergamotto, l’Università della Calabria ha recentemente depositato un brevetto internazionale che riguarda il bergamotto calabrese e la esclusiva presenza nel frutto di due statine naturali; la brutieridina e la mellitidina. La ricerca condotta in esclusiva dalla Unical, ha dimostrato che le due molecole abbassano il livello di colesterolo con la stessa efficacia , in termini di dose/risposta, dei farmaci attualmente utilizzati in terapia, il vantaggio dei due nutraceutici è rappresentato dall’assenza di controindicazioni.

Il succo e l’albedo del bergamotto, opportunatamente formulati, come nel caso del Bergasterol, producono matrici naturali ricchi delle due molecole. I due farmaci naturali appartenenti alla famiglia degli HMG-flavonoidi presenti nel bergamotto calabrese, rappresentano una ulteriore conferma del potere anticolesterolemico del bergamotto calabrese.

Ecco comunque evidenziato l’aspetto sicurezza, qualità e rintracciabilità sul bergamotto calabrese, che spesso vede ridotto il mercato e la diffusione da prodotti privi di tracciabilità con supposte proprietà salutistiche, prodotti poco naturali, con aggiunte e soprattutto anche se calabresi, non dell’area jonico-reggina.

Il bergamotto calabrese, non è riproducile in altre parti del mondo, fate attenzione agli acquisti.

Alcuni link di riferimento per acquisti sicuri:

– AICAL – Associazione a tutela del prodotto tipico in Calabria www.aical.it  tel, 0964 732888

– BERGASTEROL, succo di bergamotto con albedo, www.bergasterol.it

– TIPICAL.IT vendita di agrume fresco, a novembre a marzo, www.tipical.it

 

succo di bergamotto

Cura naturale per il colesterolo

Cura naturale per il colesterolo alto. Estratto puro di Succo di Bergamotto.

La lotta al colesterolo alto ha una via alternativa e  passa soprattutto per l’alimentazione. Ma se si parla spesso dei cibi che vanno evitati, si parla meno di quelli che andrebbero preferiti. Come il bergamotto, un agrume che si coltiva e produce solo in un’area ristrettissima di 120 chilometri limitata alla fascia jonica della provincia di Reggio Calabria
Questo agrume, il succo nello specifico invece, riuscirebbe ad abbassare i livelli di LDL (colesterolo cattivo) e ad aumentare quelli di HDL (colesterolo buono). In questo modo potrebbe anche essere usato dai malati di cuore per permettere loro di diminuire le dosi di farmaci.